Riceviamo e pubblichiamo volentieri alcuni articoli di Salvo Sassadoro socio dell'AOT e del Club degli Psittacidi ed appassionato allevatore di pappagalli di media e grande taglia anche mediante allevamento allo "stecco" assistito in ciò dalla moglie. Da tempo ha unito all'allevamento lo studio del comportamento dei Pappagalli in cattività oltre che le Tecniche del loro allevamento producendo, peraltro, diversi articoli pubblicati da riviste del settore. Collabora attivamente con il Corpo Forestale dello Stato Servizio CITES. Per Contatti: 

Eunymphicus cornutus

alt

Il Parrocchetto Cornuto (Eunymphicus cornutus – Gmelin) è un pappagallo dalle caratteristiche estetiche veramente particolari. Il nome comune “cornuto” deriva dalla presenza sul capo di due piume ipersviluppate che formano una vistosa cresta. Con una taglia di poco superiore ai 30 cm il P. cornuto si presenta come un pappagallo di media taglia a coda lunga molto slanciato con un colore di fondo verde brillante. La testa oltre a presentare il visibile ornamento piumato mostra due aree scure di media estensione ai lati della faccia, mentre la zona compresa fra la fronte e la corona è di un bel rosso vivo, colore questo che và in netto contrasto con il giallo dell’auchenio. Il dorso verde scuro è più marcato rispetto all’area ventrale che è invece molto più chiaro, ai bordi delle ali e delle remiganti primarie appaiono delle piume blu elettrico così come la parte finale della coda. Il ramo superiore del becco ha una fascia orizzontale madreperlacea mentrele zampe sono grigie, le iridi sono arancione scuro tendenti al rosso. Dall’aspetto generale l’Eunymphicus cornutus dimostra già delle buone qualità aerodinamiche adatte al volo veloce anche in aree densamente alberate. I soggetti in libertà vivono in Nuova Caledonia e nell’area nord della regione delle isole Ouvéa e Loyalty. Recentemente si sta tentando di inserirlo anche nelle aree interne delle isole Fiji e Tonga. Simile alla specie di riferimento (da Forshaw ritenuto una sottospecie), il Eunymphicus cornutus uvaeensis è un pappagallo in grave diminuzione numerica, infatti nei primi anni del 1990 questa specie è stata censita in meno di 100 individui per cui ad oggi si teme la scomparsa totale e quindi l’estinzione. Purtroppo anche il Parrocchetto Cornuto non vanta una presenza molto alta ne in natura ne tantomeno in cattività, pertanto rimane una specie ad appannaggio di validi allevamenti o centri specializzati. La scarsa presenza sembra sia dovuta oltre che dal degrado del suo habitat naturale anche dalla speciale alimentazione (semi di Agathis-araucaria), Papaya ed altri frutti endemici dell’area continentale del Pacifico. Poco prolifico si riproduce in cattività in capienti voliere dove depone mediamente tre uova, ma di cui spesso non vengono alla luce che due pullus. I giovani appena impiumati sono simili agli adulti ma con colori meno marcati (mancanza di dimorfismo sessuale anche negli adulti), quest’ultimi rimangono per alcuni mesi con i genitori per diventare completamente autosufficienti entro la prossima stagione riproduttiva.

 Salvo Sassadoro

I nostri sponsor: