CIRCOLARE N.4 FOI

Qualche giorno addietro è stata spedita a tutti i Giudici della FOI la Circolare n. 4 del Consiglio Direttivo, peraltro pubblicata anche sul sito della FOI, recanti indicazioni importanti ed in un certo senso innovative, riguardo ai Criteri di giudizio ed ai nuovi computi riguardanti la valutazione dei soggetti nei concorsi ornitologici. Ad essa è stato pure allegato un libretto contenente il Codice deontologico approvato recentemente sempre dal Consiglio Federale e dall'Ordine dei Giudici su proposta del nuovo Consigliere Diego Crovace.

 

alt

alt

 

La Circolare di cui sopra, riveste importanza assoluta in prospettiva della prossima stagione Mostre in quanto da subito applicabile a tutte, escluso il Campionato Italiano e le Mostre Internazionali. Pertanto, interessa praticamente tutto il resto delle Mostre. Abbiamo deciso di pubblicare questa Circolare, inviata a tutti i Giudici per la sua applicazione, in quanto oltre ad essi verranno interessati principalmente gli allevatori per gli effetti scaturenti i quali, improvvisamente, si vedranno applicate queste nuove direttive e, probabilmente, non si daranno delle valide giustificazioni in quanto non avvertiti di tali modifiche sostanziali nel giudizio dei soggetti esposti in Mostra in tempi utili. Da dire subito che è, senza dubbio alcuno, un provvedimento giusto ed opportuno in quanto ristabilisce i reali valori dei singoli soggetti partecipanti, soprattutto quelli che vanno a premi, evitando così che gli stessi possano subire dei forti sbalzi fra una mostra e l’altra in funzione di tante variabili, il più delle volte incomprensibili o forse non voluti accettare dai singoli allevatori che facevano osservare agli altri allevatori che, lo stesso soggetto, in una data Mostra aveva ottenuto un punteggio mentre in un’altra aveva conseguito un risultato diverso. Con questa nuova regolamentazione, naturalmente, a parità di punteggio, come chiaramente espresso dalla superiore circolare, vincerà chi avrà un punteggio maggiore nella scala valori. Per quanto riguarda il Codice deontologico allegato alla Circolare, esprimo un tiepido accoglimento in quanto da un’attenta lettura, al di la di un migliore confezionamento ed una migliore articolazione attraverso appositi capitoli, va rilevato che nulla di sostanziale viene proposto come novità rispetto a quanto contenuto nel Regolamento dell'Ordine dei Giudici alle voci che riguardano i diritti e doveri dei Giudici. Rimane apprezzabile purtuttavia lo sforzo profuso per una migliore definizione di compiti, ambiti e competenze dei Giudici ma, soprattutto, quello che potrebbe significare per i primi passi per una più moderna gestione ed articolazione di tutto il mondo dei Giudici e loro organi interni. Per questo ed altri provvedimenti atti a migliorare tutto l’ambito, scimmiottando una frase resa famosa dopo gli omicidi di Falcone e Borsellino ricordiamo che: Le idee possono camminare solo se vi saranno delle robuste gambe che li porteranno. Voglio dire che le idee, le proposte e la progettazione vanno bene solo se vi è un ambito capace di accoglierle e farle funzionare adottando, ove necessario, sanzioni certe ed farle conseguentemente applicare fino in fondo evitando di sminuire quanto approvato, attraverso l'oblio o con il rimandare nel tempo facendo decantare il tutto. Speriamo, veramente, che chi ha proposto innovazione in seno alla Federazione non venga ostacolato; ma già avverto serpeggiare malumori nei posti di comando ed in tutti quei gangli di convergenza del potere fino a se stesso e capace solo di replicarsi in operazioni anche elettive caratterizzate solo da autoreferenziamento. D’altronde fino a quando i mediocri saranno in quei posti solo perchè più furbi o tessitori di clientele mentre i più preparati vengono emarginati perché portatori di conoscenze ed innovazione, c’è poco da sperare.

                        

                                                                                                   Gianni Matranga

I nostri sponsor: