SI VOGLIONO AVVERTIRE TUTTI GLI ALLEVATORI CHE ESPORRANNO I LORO SOGGETTI ALLE VARIE MOSTRE CHE, DA QUESTO ANNO, E' STATO INTRODOTTO UN ARTICOLO DEL REGOLAMENTO DELL'ORDINE DEI GIUDICI DELLA FOI (ART. 45) CHE PREVEDE IL DECLASSAMENTO DI TUTTI QUEI SOGGETTI INGABBIATI CON LA DESCRIZIONE ERRATA. PERTANTO STATE ATTENTI AI CODICI E LA DENOMINAZIONE COMPILANDO LA SCHEDA DI INGABBIO. IN PARTICOLARE I PAPPAGALLARI CHE DOVESSERO USARE NOMENCLATURA NON ITALIANA COME PER ES. ROSEICOLLIS AQUA OPPURE TURQUOISE ECC..DEVONO STARE MOLTO ATTENTI PERCHE' I GIUDICI SONO AUTORIZZATI A DECLASSARLI. PARIMENTI NEGLI I.E.I. ATTENZIONE ALLE GIUSTE DENOMINAZIONI. IN PRATICA, QUALORA IL GIUDICE RILEVI L’ERRATA ATTRIBUZIONE DELLA CATEGORIA DA PARTE DELL’ESPOSITORE, PROCEDE AL DECLASSAMENTO DEL SOGGETTO E, SUCCESSIVAMENTE, AL GIUDIZIO DEL MEDESIMO NELLA CATEGORIA CORRETTA, MA FUORI CLASSIFICA UFFICIALE.

IL TESTO COMPLETO ART. 45 - Il Giudice deve astenersi dal giudicare i soggetti che non sono accompagnati dalle indicazioni previste dal Regolamento mostre (nomenclatura del soggetto, tipo, varietà e categoria non riconosciute ufficiali, nonché parentali per gli ibridi, ecc.). Qualora il Giudice rilevi l’errata attribuzione della categoriada parte dell’espositore procede al declassamento del soggetto e, successivamente, al giudizio del medesimo nella categoria corretta, ma fuori classifica ufficiale. Qualora l’errata attribuzione della categoria discenda da errore del Comitato organizzatore o del convogliatore non si procede al declassamento, ma alla rettifica nella categoria corretta e conseguente giudizio. L’art. 45 sostituisce ed integra l’art. 43 del previgente regolamento dell’Ordine dei Giudici. La novità consiste nel fatto che il giudice, attraverso il comitato organizzatore, dovrà sincerarsi che l’errore sia ascrivibile o meno all’espositore, attraverso la verifica dei dati contenuti nella scheda di ingabbio. Qualora l’errore sia dovuto a chi ha inserito i dati nel software di gestione della mostra ovvero al convogliatore che, ad esempio, ha invertito i soggetti da ingabbiare, non si procede a declassamento, salvaguardando il corretto operato dell’espositore.

STANDO COSI' LE COSE I VARI COMITATI ORGANIZZATORI AVRANNO NOTEVOLI DIFFICOLTA' AD ASSUMERSI L'ONERE DI TRASCRIVERE L'ESATTA DENOMINAZIONE DEI SOGGETTI ASSUMENDOSI RESPONSABILITA' AD ESSO ASCRIVIBILI. SI RACCOMANDA PERCIO' DI ESSERE ESTREMAMENTE PRECISI NELL'INDICARE L'ESATTA DENOMINAZIONE AL MOMENTO DELLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI PRENOTAZIONE/INGABBIO. NOI DELL'AOT RIMANIAMO COMUNQUE SEMPRE DISPONIBILI, IN PARTICOLARE PER LA PROSSIMA MOSTRA INTERNAZIONALE DI PALERMO, A COLLABORARE CON GLI ESPOSITORI AL FINE DI INCORRERE IL MENO POSSIBILE IN ERRORI DI COMPILAZIONE E/O TRASCRIZIONE

I nostri sponsor: